Natura naturans

Scuola di alti studi:
Della natura e della condizione umana: trasformazioni, problemi e prospettive

Organizzata dal Centro studi sulla natura, l’umano e l’unità del pensiero
e dall’Accademia Vivarium novum

Temi

  • Natura, paesaggio, ambiente ed ecodinamica: dalla fisica evolutiva all’antropocene
  • I linguaggi della natura: dalla letteratura all'arte
  • Descrizione, osservazione e immaginazione nello studio della natura
  • Leggi di natura, causalità, determinismo, contingenza e libertà
  • Contraddizioni, fluttuazioni e indeterminazione nella natura: dalla fisica aristotelica alla meccanica quantistica
  • Comportamenti complessi e fenomeni estremi nella natura
  • La filosofia della natura: origini antiche, rinnovi umanistici e sviluppi recenti
  • La relazione tra natura, uomo e tecnica: aspetti e problemi filosofici e antropologici
  • Sulla natura biologica e la condizione umana: dalla plasticità cerebrale alla coscienza
  • Dalla natura come oggetto e risorsa alla natura come fonte di vita e di cultura. Il problema della sostenibilità
  • La matematica della natura, la natura della matematica

Docenti

Sergio Albeverio (Università di Bonn); Guido Alliney (Università di Macerata); Ignazio Armella Chavez (Accademia Vivarium novum); Novella Bellucci (Università di Roma “La Sapienza”); Fabio Bentivoglio (Pisa); Augustin Berque (École des hautes études en sciences sociales, Parigi); Piero Bevilacqua (Università di Roma “La Sapienza”); Remo Bodei (UCLA e Scuola normale superiore di Pisa); Luciano Boi (École des hautes études en sciences sociales e Collège international de philosophie, Parigi); Mauro Carfora (Università di Pavia); Giulio Maria Chiodi (Istituto universitario "Suor Orsola Benincasa" di Napoli); Umberto Curi (Università di Padova); Franco D’Intino (Università di Roma “La Sapienza”); Giulio Ferroni (Università di Roma “La Sapienza”); Lorenzo Fioramonti (Vice Ministro della Pubblica istruzione, ricerca e università − Università di Pretoria); Alberto Folin (Università di Napoli “Suor Orsola Benincasa”); Françoise Graziani (Università di Corsica “Pasquale Paoli”); Paola Italia (Università di Bologna “Alma mater studiorum”); Flavio Keller (Università Campus Bio-Medico, Roma); James Levine (Fondazione Ipsen - Science for people); Ignazio Licata (Università di Palermo); Lamberto Maffei (Accademia nazionale dei Lincei e Scuola normale superiore di Pisa); Carlos Lobo (Collège international de philosophie, Parigi e Centro de Filosofia das Ciências da Universidade de Lisboa, Lisbona); Amalio Marichalar (European environment foundation); Luigi Miraglia (Accademia Vivarium novum); Antonio Moresco, scrittore; Giuseppe Mussardo (Scuola internazionale superiore di studi avanzati, Trieste); Massimo Natale (Università di Verona); Alberto Oliverio (Università di Roma “La Sapienza” e Consiglio nazionale delle ricerche); Carlo Ossola (Collège de France e Accademia nazionale dei Lincei); Olga Pombo (Centro de Filosofia das Ciências da Universidade de Lisboa, Lisbona); Antonio Rostagno (Università di Roma “La Sapienza”)

Modalità di partecipazione

  • La scuola è aperta unicamente agli iscritti (40) e a un numero limitato (10) di “auditori liberi” proposti nominativamente dai responsabili della scuola.
  • La scuola si rivolge in particolare a studenti universitari d'ogni ordine grado (triennale, magistrale, master, dottorato, post-doc), a studenti dell’ultimo anno di liceo particolarmente motivati e a insegnanti desiderosi di approfondire le loro conoscenze specifiche.
  • Criteri di valutazione: un curriculum idoneo e forti e convincenti motivazioni scritte; superata la prima fase di selezione, la commissione potrà ritenere opportuno d’invitare i candidati a un colloquio (15 minuti).
  • La decisione riguardo all’accettazione delle iscrizioni sarà presa in modo collegiale dal comitato direttivo del Centro dopo attenta valutazione della lettera di motivazione, del curriculum e dell’eventuale colloquio.
  • Per essere accettati alla scuola, bisogna mostrare un reale interesse per il tema generale e per gli argomenti specifici che verranno affrontati, nonché per gli studi interdisciplinari e per il dialogo tra i diversi campi del sapere (scientifico, filosofico e letterario).
  • Gli iscritti sono tenuti a leggere la bibliografia proposta dai docenti prima dell’inizio della scuola.
  • Durante le lezioni, i seminari e le discussioni non sarà consentito nessun uso dei telefonini e d'altri dispositivi elettronici.
  • Le lezioni saranno tenute perlopiù in lingua italiana; nei dibattiti potrà essere adoperate anche le principali lingue europee.
  • L’inizio delle attività è previsto per il pomeriggio della domenica 27 ottobre (alle ore 15:30) e la conclusione per la sera del sabato 2 novembre (alle ore 20:00). Si prevede il pernottamento per la sera del sabato 2 novembre e la partenza nella mattinata di domenica 3.
  • Il programma dettagliato delle lezioni verrà pubblicato entro la prima settimana di settembre.
  • Al termine del corso verrà rilasciato ai partecipanti un attestato.
  • L’iniziativa ha valore di formazione e aggiornamento (legge 107/2015, comma 124, con esonero dal servizio ex art. 64 CCNL 2006/2009 del Comparto scuola).

L’Accademia Vivarium novum mette a disposizione per la partecipazione al laboratorio 40 borse di formazione che coprono i costi delle lezioni, dei seminari, delle attività culturali connesse e le spese di vitto e alloggio presso le strutture del Campus.

Le borse sono riservate a studenti universitari d'ogni ordine grado (triennale, magistrale, master, dottorato, post-doc), a studenti dell’ultimo anno di liceo e a insegnanti. Le domande di partecipazione, corredate dal modulo compilato (Centro - application form - 2019.docx - general-regulations 2019.pdf) una lettera di motivazioni, da una copia della carta d’identità, da una fotografia recente e da un dettagliato curriculum degli studi, dovranno pervenire in formato digitale al seguente indirizzo: corsi@vivariumnovum.net entro e non oltre il 20 settembre 2019. Domande tardive potranno essere prese in considerazione fino al 4 ottobre.

La borsa prevede l’obbligo di residenza e di frequenza del corso e la presentazione d’una relazione finale (max 25.000 battute) da consegnare entro il 15 gennaio 2020. All’atto del ricevimento della relazione verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

===
Organizzatori:

Col patrocinio di:

Previous Post