Inaugurazione 2016

POSSE RENASCI

Accademia Vivarium novum

Convegno internazionale in occasione dell'inaugurazione della Villa Falconieri,

prima sede del Campus mondiale dell'umanesimo,

e apertura dell'a. a. 2016-2017.

24, 25 e 26 novembre 2016

Scarica il programma

 

 

 

   Il convegno Posse renasci celebra l’apertura dell’a.a. 2016-2017 dell'Accademia Vivarium novum e l’inaugurazione della Villa Falconieri quale prima sede del Campus mondiale dell’umanesimo.
    L’Accademia ha accolto e formato per lungo tempo studenti provenienti da ogni continente. Numerosi giovani d’ogni Paese condividono ogni anno un’esperienza di vita comunitaria e si dedicano con fervore agli studi umanistici seguendo una secolare tradizione.
    Oggi, grazie all’impegno congiunto di forze politiche, economiche e culturali e a uno storico accordo con la seconda università di Roma “Tor Vergata”, l’Accademia pone la prima pietra d’un grande Campus alla realizzazione del quale contribuisce un’alleanza con centinaia di università, istituti di ricerca, società di studi d’ogni parte del globo, per una vera rinascita degli studi umanistici e della loro funzione di formazione culturale, civile e morale dell’umana famiglia.
 

 

«Nelle moderne società europee solo l’istruzione può diminuire i tristi effetti della corruzione ed innalzare l’unico argine che oggi si oppone ai progressi del dispotismo e della tirannide. Che ne sarebbe di noi se in mezzo alla depravazione dei nostri costumi, ai vizi della nostra educazione e all’imperfezione delle nostre leggi, se in mezzo a milioni di uomini sempre armati e sempre pronti a difendere gli attentati dei padroni dell’Europa, i libri scritti dai filosofi non inculcassero i luminosi princípi della morale, non combattessero il vizio, non facessero arrossire il tiranno? Che ne sarebbe di noi se l’opinione pubblica, dai detti scritti diretta, non coprisse d’infamia il monarca che ordina una legge ingiusta e il ministro che la propone e il magistrato che la fa eseguire? [...]   Se la mano potente dell’uomo dirige il fulmine, soggioga i venti, impone leggi alle acque, dà ai vegetali e agli animali nuove qualità, individua, crea per cosí dire negli uni e negli altri nuove specie secondarie, forme adopera nuovi fluidi e sale, si sostiene e viaggia con le ali dell’arte sugli immensi spazi dell’etere, se il progresso, io dico, delle cognizioni ci ha dato tanto impero sul mondo fisico, per quale motivo non potremmo noi sperare di acquistarne uno sul mondo morale?»
(GAETANO FILANGIERI, 1785)



«È necessario che [...] si diffonda o si radichi, più che finora non sia accaduto, il sentimento che il miglior pregio della vita, la maggiore soddisfazione che in essa possa provarsi, è data non dalle fortune materiali, non dagli arricchimenti, non dai gradi conseguiti, non dagli onori, ma dal produrre qualcosa di obiettivo e di universale, dal promuovere un nuovo e più alto costume, una nuova e più alta disposizione negli animi e nelle volontà, dal modificare in meglio la società in mezzo a cui si vive, godendo di quest’opera come un artista della sua pittura o della sua scultura, e un poeta della sua poesia […]. In questa creazione del bene comune, si apre il più bel campo dell’uomo.»
(BENEDETTO CROCE, 1923)



«Litteris docemur non solum artes ad vitam degendam necessarias, sed etiam omnino quae sint homini expetenda, quae fugienda; quid turpe, quid honestum; quid verum, quid falsum: quid salutare, quid perniciosum; quae virtutes, quae optimae leges, quae optima respublica, quae beata vita: cum, sublatis litteris [...] sit necesse cedat, opinor, ignoratio disciplinis, stultitia sapientiae, error scientiae, caligo luci, mendacium veritati, umbra splendori, feritas humanitati, lucrum dignitati. Sed de lucro, quoniam isti rem litterariam nihil Reipublicae emolumenti afferre queruntur, videamus. Quid si planum facio quaestuosissimam esse litterarum officinam, ac multo quaestuosiorem quam sunt istorum tabernae? Ostendo igitur civitates eas, in quibus litterarum studia florent, civium frequentia florere, imperio et potentia florere, rerum omnium ubertate et copia florere!»
(JEAN BODIN, 1559)

 

Nam nisi multorum praeceptis multisque litteris mihi ab adulescentia suasissem, nihil esse in vita magno opere expetendum nisi laudem atque honestatem, in ea autem persequenda omnis cruciatus corporis, omnia pericula mortis atque exsili parvi esse ducenda, numquam me pro salute vestra in tot ac tantas dimicationes atque in hos profligatorum hominum cotidianos impetus obiecissem. Sed pleni omnes sunt libri, plenae sapientium voces, plena exemplorum vetustas: quae iacerent in tenebris omnia, nisi litterarum lumen accederet. Quam multas nobis imagines −non solum ad intuendum, verum etiam ad imitandum −fortissimorum virorum expressas scriptores et Graeci et Latini reliquerunt? Quas ego mihi semper in administranda re publica proponens animum et mentem meam ipsa cognitatione hominum excellentium conformabam.
(CICERO, a. 62 a. Ch. n.)

 

2- Quando e dove?

Il convegno si terrà presso la Villa Falconieri, sita in Via Borromini 5, 00044, Frascati (Roma).

Per raggiungere Frascati coi mezzi pubblici, si può utilizzare il treno da Roma Termini o il pullman della ditta Cotral dalla stazione metropolitana di Anagnina.

Ogni giorno del convegno, un pullman dell'Accademia partirà dall'Anagnina un'ora prima dell'inizio dei lavori, e riporterà i partecipanti alla stessa stazione entro le 23. Prenotazione obbligatoria.

 

1. POSSE RENASCI
Giovedì 24 novembre 2016, ore 14.30 - 22.30
Inaugurazione sollenne della Villa Falconieri, prima sede del Campus mondiale dell’umanesimo.
L'inaugurazione s'aprirà con i saluti delle autorità e la firma del protocollo d'intesa per la fruizione pubblica della Villa Falconieri. Interveranno Remo Bodei e Edgar Morin. L'onorevole Stefania Giannini, Ministro della pubblica istruzione, università e ricerca scientifica concluderà la serata.

 

2. TUSCULANAE DISPUTATIONES
Venerdì 25 novembre 2016, ore 10.30 - 22.30
Giornata di riflessione sull'importanza d'una vera rinascita umanistica.
Interventi di: Charles Guittard, Sandra Ramos Maldonado, Filippo Mignini, Vicente Cristóbal, Fiorinda Li Vigni, Sabah Abouessalam e Edgar Morin.

 

3. LUMEN LITTERARUM
Sabato 26 novembre 2016, ore 11.00 - 22.30
Noi e gli antichi: giornata in latino sui monumenta litterarum tramandatici dal passato.
Interventi di: Michael von Albrecht, Aleksei Belousov, Charles Guittard, Maria Luisa Aguilar, Christian Laes e Vicente Cristobal. Alla fine della giornata, sarà rappresentata una scena teatrale tratta dall'Edipo re di Sofocle in originale.
 

 

 

3. Dettagli pratici

La partecipazione al convegno è gratuita con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti; La preghiamo dunque di confermare la Sua presenza compilando e inviando l'apposito modulo che troverà qui sotto.

Segreteria del convegno: posserenasci@vivariumnovum.net

 

Dove alloggiare:
Le quattro strutture alberghiere più vicine sono:
Hotel Colonna: 900m; nel centro di Frascati (solo a piedi).
Villa Tusculana: 2,1km, ma 250m in linea d’aria.
Villa vecchia: 2km, verso Monteporzio Catone.
Villa Grazioli: 2,9km, verso Grottaferrata.

 

4. Modulo d'iscrizione

 

Informazioni personali
SiNo
24 novembre (14.30-22.30)
- Trasporto dalla stazione Anagnina alle 13.30
- Trasporto alla stazione Anagnina dopo la fine dei lavori
25 novembre (mattina: 10.30-14.30)
25 novembre (pomeriggio: 15.00-22.30)
- Trasporto dalla stazione Anagnina alle 9.30
- Trasporto alla stazione Anagnina dopo la fine dei lavori
26 novembre (mattina: 11.00-14.0)
26 novembre (pomeriggio: 15.00-22.30)
- Trasporto dalla stazione Anagnina alle 10.00
- Trasporto alla stazione Anagnina dopo la fine dei lavori